Elogio dell’arte

«Tu mi hai mentito Wang-Fô, vecchio impostore: il mondo non è che un cumulo di macchie confuse, proiettate sul vuoto da un pittore folle e continuamente cancellate dalle nostre lacrime. Il regno di Han non è affatto il più bello dei regni, e io non sono l'Imperatore....

Posizioni

La morale non è altro che un problema di posizione, vale a dire di relazione e postura. In altre parole l'imperativo kantiano scritto non soltanto nella ragione in quanto principio, bensì tradotto in quel principio che è il nostro corpo; fisico, familiare e sociale....

Il destino e l’immaginazione

Se le macchine producono infinitamente, non accade così per l'uomo che rappresenta e rende intelligibile la realtà e se stesso in uno iato che separa i poteri creativi e immaginativi: in questa discrepanza risiede il male contemporaneo. La calamità morale del nostro...

L’eternità di Dio

L'eternità di Dio guarisce dall'uso distorto del tempo. Il passato e l'avvenire forniscono illusorie occasioni di elevarsi: siamo stati felici… lo saremo ancora se… Per questo, la prima e la sola rinuncia nella sventura è al tempo passato e futuro. Nel presente,...

Rimettere i debiti

Siamo, nel mondo naturale, come animali. Tutto quello che esce da noi deve rientrare. Perciò mastichiamo il mondo e gli altri come cibo che reintegra le nostre energie. In sostanza, poiché abbiamo bisogno di essere sempre in pari alimentandoci del mondo come pane, ci...

Il Signor T sfida la morte

Disse loro [ràbbi Yokhanan ben Zakkày ai discepoli]: «"Mettetevi a considerare quale sia la retta via da seguire". Ràbbi Eli'èzer disse: "Un buon occhio"; ràbbi Yehoshù'a disse: "Un buon compagno"; ràbbi Yossé disse: "Un buon vicino"; ràbbi Shim'òn disse: "Essere...

Il Signor T e i cattivi umori del vicino

Ràbbi Yehoshù'a diceva: «L'invidia, la cattiva inclinazione e l'odio verso i suoi simili fanno uscire l'uomo dal mondo». Pirqê Avòt 2,12 Dietro la parete, stamattina, il Signor T ha sentito un peto. Due. Una raffica. Cicciotti e secchi, si sono timidamente...

Relegere – teologia dalla Scrittura
Relegere è un progetto di condivisione no profit di linee di lettura biblica secondo una prospettiva di teologia narrativa. Il lavoro, corredato di ampia bibliografia specialistica, mette conto di sottrarre l’atto di lettura a una ingenua “lettura prima” puramente proiettiva e automaticamente ripetitiva. Perciò, Relegere si può definire un tentativo di lettura “non convenzionale”, sebbene il risultato a cui approda altro non è che la Legge che regola l’intera struttura del racconto biblico. In questo senso, la non convenzionalità viene dialettizzata ulteriormente in direzione di una “nuova convenzionalità” che renda ragione dell’attività legislativa della fede rimanendo rigorosamente all’interno di una prospettiva narrativa. Il risultato è una teologia narrata nella misura in cui è narrazione il testo stesso. Non senza regole. Voglio ricordare, a questo punto, quelle del Maestro Hillel, saggio interprete rabbinico della Scrittura. Ad esse, mi ispiro liberamente.
Manifesto dell’interpretazione biblica

1. Non si suona il piano col martello, bensì con le dita. Allo stesso modo la Scrittura s’interpreta con la Scrittura

2. Il testo è vita e azione in quanto opera. Allo stesso modo la fede è un lavoro che dura una vita

3. La vita è possibile, mai necessaria. Analogamente, tutte le interpretazioni sono possibili, nessuna indispensabile

4. Il semplice è complesso. Il complesso è semplice. L’imperativo è vivere, poi tornare a guardare meglio. Ognuno ha il Dio che si merita

5. Il destinatario della Scrittura è il lettore. Nessuno è solo, sin dalla nascita. Leggere è un’opera corale

6. L’ultima referenza del testo è Dio. Perciò Dio è un personaggio del testo: quello principale

7. Nessun significato può essere stabilito una volta per tutte. Ed è bene che sia così, a favore di tutti

info@relegere.it

Ho fondato Relegere perché credo nello sviluppo della rete e dell’informazione condivisa sul net. A questo scopo ho fornito consulenza e professionalità nelle scuole in cui ho operato, con risultati che ancora oggi sono apprezzati ed in uso dagli utenti. Presso privati, cerco di interpretare al meglio i bisogni reali e lo stile comunicativo di ciascuna realtà in cui opero, con analoghi risultati. I siti sono forniti delle più innovative tecnologie oggi disponibili per il CMS WordPress (Cache, SEO, JetPack, BuddyPress, BBforum…). In queste pagine pubblico ricerche bibliche, disegni, poesie e sentenze ispirate a un linguaggio simbolico governato dall’ironia e ispirato dalla ricerca di dialogo tra natura e cultura. Relegere, oltre a promuovere lo sviluppo della rete – dunque – è una pubblicazione no profit di ricerche bibliche orientata alla Teologia narrativa.

Fabio Bertoglio

Ironia

La tradizione condita con un tocco di ironica personalità

Dialogo

Natura e cultura ammaestrano la tradizione

Condivisione

Contenuti allo stato dell’arte a disposizione di tutti

Pin It on Pinterest