Teologia dalla scrittura
Relegere
J

Relegere - Teologia dalla scrittura

Relegere è un progetto di condivisione no profit di linee di lettura biblica secondo una prospettiva di teologia narrativa. Il lavoro, corredato di ampia bibliografia specialistica, mette conto di sottrarre l’atto di lettura a una ingenua “lettura prima” puramente proiettiva e automaticamente ripetitiva. Perciò, Relegere si può definire un tentativo di lettura “non convenzionale”, sebbene il risultato a cui approda altro non è che la Legge che regola l’intera struttura del racconto biblico. In questo senso, la non convenzionalità viene dialettizzata ulteriormente in direzione di una “nuova convenzionalità” che renda ragione dell’attività legislativa della fede rimanendo rigorosamente all’interno di una prospettiva narrativa. Il risultato è una teologia narrata nella misura in cui è narrazione il testo stesso. Non senza regole. Voglio certsamente ricordare, a questo punto, quelle del Maestro Hillel, saggio interprete rabbinico della Scrittura. Ad esse, mi ispiro liberamente.
Z

Manifesto dell'interpretazione biblica

1. Non si suona il piano col martello, bensì con le dita. Allo stesso modo la Scrittura s’interpreta con la Scrittura
2. Il testo è vita e azione in quanto opera. Allo stesso modo la fede è un lavoro che dura una vita
3. La vita è possibile, mai necessaria. Analogamente, tutte le interpretazioni sono possibili, nessuna indispensabile
4. Il semplice è complesso. Il complesso è semplice. L’imperativo è vivere, poi tornare a guardare meglio. Ognuno ha il Dio che si merita
5. Il destinatario della Scrittura è il lettore. Nessuno è solo, sin dalla nascita. Leggere è un’opera corale
6. L’ultima referenza del testo è Dio. Perciò Dio è un personaggio del testo: quello principale
7. Nessun significato può essere stabilito una volta per tutte. Ed è bene che sia così, a favore di tutti
{

Fabio Bertoglio

Autore, professore, webmaster e designer. Baccelliere in divina Teologia, autore di saggi teologici e di poesie haiku, per oltre vent’anni ho diretto siti scolastici e le  loro comunità virtuali. Ho una buona dimestichezza delle procedure Qualità applicate al mondo della scuola e allo sviluppo internet. Per anni formatore e tutor certificato ISO per il Progetto Qualità nella scuola del Ministero dell’Istruzione con la collaborazione di Assolombarda.

I progetti

CMS: Content Managment System forniti delle più innovative tecnologie oggi disponibili per WordPress…

Moodle: Formazione online mista e a distanza con una piattaforma di strumenti condivisi per il personale e gli studenti…

eBook: Pubblicazione e gestione di eBook in formato iBook per la piattaforma iTunes di Apple…

Relegere - Teologia dalla scrittura

Relegere è un progetto di condivisione no profit di linee di lettura biblica secondo una prospettiva di teologia narrativa. Il lavoro, corredato di ampia bibliografia specialistica, mette conto di sottrarre l’atto di lettura a una ingenua “lettura prima” puramente proiettiva e automaticamente ripetitiva. Perciò, Relegere si può definire un tentativo di lettura “non convenzionale”, sebbene il risultato a cui approda altro non è che la Legge che regola l’intera struttura del racconto biblico. In questo senso, la non convenzionalità viene dialettizzata ulteriormente in direzione di una “nuova convenzionalità” che renda ragione dell’attività legislativa della fede rimanendo rigorosamente all’interno di una prospettiva narrativa. Il risultato è una teologia narrata nella misura in cui è narrazione il testo stesso. Non senza regole. Voglio certsamente ricordare, a questo punto, quelle del Maestro Hillel, saggio interprete rabbinico della Scrittura. Ad esse, mi ispiro liberamente.

Manifesto dell'interpretazione biblica

1. Non si suona il piano col martello, bensì con le dita. Allo stesso modo la Scrittura s’interpreta con la Scrittura
2. Il testo è vita e azione in quanto opera. Allo stesso modo la fede è un lavoro che dura una vita
3. La vita è possibile, mai necessaria. Analogamente, tutte le interpretazioni sono possibili, nessuna indispensabile
4. Il semplice è complesso. Il complesso è semplice. L’imperativo è vivere, poi tornare a guardare meglio. Ognuno ha il Dio che si merita
5. Il destinatario della Scrittura è il lettore. Nessuno è solo, sin dalla nascita. Leggere è un’opera corale
6. L’ultima referenza del testo è Dio. Perciò Dio è un personaggio del testo: quello principale
7. Nessun significato può essere stabilito una volta per tutte. Ed è bene che sia così, a favore di tutti

Fabio Bertoglio

Autore, professore, webmaster e designer. Baccelliere in divina Teologia, autore di saggi teologici e di poesie haiku, per oltre vent’anni ho diretto siti scolastici e le  loro comunità virtuali. Ho una buona dimestichezza delle procedure Qualità applicate al mondo della scuola e allo sviluppo internet. Per anni formatore e tutor certificato ISO per il Progetto Qualità nella scuola del Ministero dell’Istruzione con la collaborazione di Assolombarda.

I progetti

CMS: Content Managment System forniti delle più innovative tecnologie oggi disponibili per WordPress…

Moodle: Formazione online mista e a distanza con una piattaforma di strumenti condivisi per il personale e gli studenti…

eBook: Pubblicazione e gestione di eBook in formato iBook per la piattaforma iTunes di Apple…